HOME PAGE   FEDERAZIONE   SEDE   SOCIETA'   ARBITRI   ASSEMBLEA   COORDINATE BANCARIE   DOCUMENTI   ASSICURAZIONE   RISULTATI   BANDI   CALENDARIO   STORIA   BARCHE   RICHIESTA IMBARCAZIONI   GALLERIA FOTOGRAFICA   PROTAGONISTI   CLASSIFICA   ANNUNCI   NEWS ED EVENTI   LINKS   NEWSLETTERS  
Lunedì, 29 Maggio 2017
F.I.C.S.F. WEB SITE: NEWS ED EVENTI indietro
A Procchio regnano Porto Azzurro e Padulella
Condizioni meteo ottimali hanno deliziato gli equipaggi che si sono dati battaglia nella terza tappa di campionato
remiero elbano. Perfetto il campo di gara allestito dalla società di casa davanti alla spiaggia di Campo all’aia che, complice anche la bellissima giornata di sole, ha ospitato un pubblico insolitamente “folto”. Il numero delle società in gioco è rimasto invariato, ma ci sono state interessanti sostituzioni a bordo di alcune imbarcazioni. Nel femminile, sia la Padulella che la Guardiola cambiano il quarto remo: Daniele Boggio sostituisce Paola Pieruzzini con Irene Niccolai, mentre Graziano Miliani schiera Francesca Tribocco al posto di Elisabetta Gigante.

Anche nel maschile un paio di novità: piccolo infortunio per il capovoga del G.S. Barbera, Luca Manzi, che non
può prendere parte alla competizione e lascia il posto al compagno Gionatan Palla che, solitamente, ricopre il
ruolo di quarto remo nello stesso equipaggio. A completare il quartetto di Melis un ospite (anche se, in realtà, è
una vecchia conoscenza) decisamente illustre: il campione europeo in carica di indoor rowing (cat. Juniores)
Matteo Baluganti; recentemente vittorioso anche nella regata storica delle repubbliche marinare col galeone di
Pisa.

Cambio della terza leva, invece, per la Lega navale di Portoferraio che rimpiazza Manuel Boggio con Gianni
Giulianetti. Alle 16:00 si aprono le danze con la prima batteria maschile che è dominata in scioltezza dalla Lega navale di Portoferraio. Le altre 3 imbarcazioni in lizza per la finale danno vita ad un appassionante duello ed a spuntarla saranno Barbera e Rio Marina che precederanno Marciana Marina solo di pochi metri.

Poco dopo, la seconda batteria vede opposti Padulella, Club del mare e Porto Azzurro. Il giudice lascia correre su
una falsa partenza dei biancorossi che, comunque, impongono subito un buon ritmo e si aggiudicano la batteria
seguiti dal Club del mare, che regola facilmente la concorrenza dei giovani avversari di Porto Azzurro.
Stabiliti i finalisti, gli uomini lasciano spazio al gentil sesso.

Le due precedenti tappe ci hanno insegnato che, in campo femminile, è impossibile fare pronostici: l’aria è
elettrica. Dopo un intenso riscaldamento, gli armi si presentano all’allineamento in quest’ordine: Guardiola,
Padulella, Marciana Marina, Porto Azzurro, Rio Marina.

Si parte. Porto Azzurro si esibisce di nuovo in una partenza fulminante, mettendosi immediatamente al comando del plotone; lo seguono Guardiola e Padulella, praticamente allineate. Tutti e tre gli equipaggi sono assolutamente determinati a virare in testa e sfoggiano un ottimo passo, dimostrando una grande forma atletica.
Le boe si avvicinano. Si gira. Porto Azzurro è in testa di qualche metro, lo seguono appaiate Guardiola e Padulella. Secondo lato. Ovviamente nessuno si arrende; i tre equipaggi provano ad imporre il proprio ritmo ma le biancocelesti non regalano neanche un centimetro alle avversarie, rimanendo saldamente al comando.
L’equipaggio di casa ha forse qualche problema ad individuare la propria boa, ed è costretto a disegnare una
curva, perdendo un pò di terreno nei confronti delle portoferraiesi.

Seconda virata. Porto Azzurro ha consolidato il proprio vantaggio e gira in testa, seguito dalla Padulella e poi dalla Guardiola in rapidissima successione. Tutti e tre gli equipaggi ripartono benissimo; ma Rossi e compagne oggi sono strepitose: nonostante il ritmo tenuto finora si lanciano verso la terza tornata con una grinta impressionante.
Padulella e Guardiola non si danno per vinte e provano a risalire; ma la classifica rimane inalterata.

Ultimo giro. Ancora prime le longonesi che, a questo punto, hanno in pugno la vittoria: le avversarie girano quasi all’unisono con netto ritardo. Quarta tornata a ritmi forsennati per tutte e tre le compaggini, che sembrano quasi non aver affrontato i tre lati precedenti. Ancora una volta, però, sono le ragazze di Lambruschi a rendersi protagoniste: dopo aver condotto tutta la gara con un ritmo disarmante, Rossi chiama a raccolta le ultime energie e trascina le compagne in un serrate fortissimo, riuscendo a guadagnare più di tre imbarcazioni sulle impotenti avversarie. Una prova di forza impressionante, con cui le “Tartarughine” balzano per la prima volta in testa alla classifica.

Col Porto Azzurro ormai irraggiungibile, Padulella e Guardiola si sfidano fino all’ultimo metro, per conquistare
la “piazza d’onore”. Questa volta, però, è Claudia Palmieri che impone il suo ritmo e porta il suo equipaggio a
conquistare il secondo gradino del podio. Chiude quindi al terzo posto Padulella, seguita nell’ordine da Rio Marina e da Marciana Marina.

Meno emozionante la gara maschile; almeno per quanto riguarda la conquista della prima piazza.
Dietro le bandierine, le imbarcazioni sono così disposte: Rio Marina, Barbera, Padulella, Lega navale, Club del
mare. Al via del giudice Campatelli, la Padulella schizza via e guadagna subito un pò di vantaggio su Lega navale e Club del mare, che rimangono dietro appaiati. Al primo giro di boa, il vantaggio dei campioni d’Italia è già rassicurante, mentre Lega navale e Club del mare virano e ripartono insieme, “sgomitando” per tutta la seconda tornata nel tentativo di consolidare la seconda posizione.

Si arriva alla seconda virata e nulla è cambiato. La Padulella ha un ritmo superiore ed aumenta il vantaggio sui
due rivali, che non riescono ad avere la meglio l’uno dell’altro e girano nuovamente con un distacco
ridottissimo.

Fin dalla terza tornata la Padulella è ormai decisamente fuori portata ed affronta l’ultima virata con un vantaggio più che rassicurante; nel frattempo sia la Lega navale che il Club del mare stanno sempre cercando di sopraffarsi inutilmente: al momento del giro i portoferraiesi hanno meno di un metro di vantaggio.

La quarta vasca vede concludersi una cavalcata trionfale per i ragazzi di Lambardi che, nonostante il grande distacco imposto, non fanno sconti agli avversari e chiudono la gara con diverse imbarcazioni di vantaggio.

Ottima prestazione e primo posto in campionato consolidato. Colpo di scena, invece, per quanto riguarda la medaglia d’argento. Gli ultimi 375 metri percorsi da Lega navale e Club del mare sono davvero avvincenti. Gli equipaggi sono ancora allineati nonostante gli innumerevoli tentativi di sorpasso; per un attimo sembra avere la meglio l’equipaggio campese che riesce a mettere avanti la propria pennecchia per alcuni metri. A questo punto, però, Bellosi cambia marcia, aumenta i colpi e si lancia in un serrate forse più composto e lucido rispetto a quello degli avversari che, proprio negli ultimi metri, sono costretti a cedergli il passo. I portoferraiesi conquistano così il primo argento della stagione, precedendo Pizzolante e compagni, per meno di un’imbarcazione. A seguire
taglieranno il traguardo il G.S. Barbera e il C.V. Riomarinesi. La classifica generale maschile rimane inalterata e vede la Padulella comandare con 48 punti (punteggio pieno).
Sorpasso al vertice, invece, in campo femminile: il Porto Azzurro, per la prima volta, raggiunge la vetta della
classifica con i suoi 44 punti, scalzando la Padulella. Il prossimo appuntamento con i remi è il 20 giugno nelle acque di Campo nell’Elba; dove i ragazzi di De Luca vorranno rifarsi e tentare, con una vittoria casalinga, di interrompere la lunga striscia vincente della Padulella.

Giacomo Bigio
  ::ARCHIVIO::
La Polisportiva Vogatori Taras abbraccia Lisea
Sabato scorso, presso Cantieri del Sud srl, viale Ionio n.150,la Polisportiva Vogatori Taras asd, ha festeggiato il varo della sua nuova lancia a 10 rematori “Lisea”, dedicata all’eroina tarantina Lisea il cui sacrificio non è conosciuto da tutti.
(28-05-2017)
"Correre nel Verde" con la LNI Chiavari e Lavagna
Per gli sport acquatici la Lega Navale di Chiavari e Lavagna era rappresentata dal gruppo canottaggio; gli istruttori federali della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso Susanna e Gian Nicolini, con coordinazione e tempi rigorosi, sono riusciti a insegnare le nozioni base dell'utilizzo del remoergometri
(28-05-2017)
Grande battaglia per la zonale Jole-Elba di Murcarolo
Urania, Murcarolo e Foce tra le società più in forma alla regata zonale Jole-Elba di Murcarolo, svoltasi con condizioni di mare perfette e sotto un sole cocente.
(28-05-2017)
Gli iscritti e gli ordini di partenza della regata di Caldè
Ben 160 gli equipaggi iscritti alla regata interregionale che domenica prossima sarà ospitata dalla Canottieri Caldè.
(25-05-2017)
Murcarolo: le iscrizioni e ordini partenza della zonale Jole-Elba
Sono iscritte LNI Sestri Ponente, Dario Schenone Foce, Club Sportivo Urania, Sportiva Murcarolo, LNI Chiavari e Lavagna, Il Gabbiano, Cerro Sportiva e Porto Ceresio.
(25-05-2017)
Memorial Bazzoni e Regatalonga del Lario domenica 18 giugno
Domenica 18 giugno “La Sportiva“ di Lezzeno organizza il 15° Memorial Francesco Bazzoni riservato a Jole Lariana ed Elba.
(25-05-2017)
Aggiornata sezione Carte Federali
Nella sezione Carte Federali trovate le versioni aggiornate del Regolamento Regate, Regolamento Regate (Deroghe), Regolamento Imbarcazioni, Regolamento Stazza e Remi VIP e Palio del Lario 2017
(23-05-2017)
Festa grande a Jesolo per la prima gara nazionale VIP 7,50
Un caldo quasi estivo ha accompagnato ieri, 21 maggio, a Jesolo (VE) la prima gara Nazionale VIP 7,50 per tutte le specialità di categoria.
(22-05-2017)
Mare molto mosso, niente Jole/Elba a Voltri
Sabato, a Voltri, è stata annullata la regata interregionale Jole/Elba a causa mare molto mosso. La società organizzatrice sta valutando un'eventuale data di recupero.
(22-05-2017)
Scrivi a questo indirizzo per inviarci i tuoi suggerimenti: ufficiostampa@ficsf.it
Copyright © 2017 F.I.C.S.F. Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso - C.F.: 95007090103 Engineered by Zenazone s.n.c.