HOME PAGE   FEDERAZIONE   SEDE   SOCIETA'   ARBITRI   ASSEMBLEA   COORDINATE BANCARIE   DOCUMENTI   ASSICURAZIONE   RISULTATI   BANDI   CALENDARIO   STORIA   BARCHE   RICHIESTA IMBARCAZIONI   GALLERIA FOTOGRAFICA   PROTAGONISTI   CLASSIFICA   ANNUNCI   NEWS ED EVENTI   LINKS   NEWSLETTERS  
Giovedì, 27 Aprile 2017
F.I.C.S.F. WEB SITE: NEWS ED EVENTI indietro
Il ragazzo di 41 anni: Roberto Moscatelli
Ragazzo infinito. Vincere per la prima volta il Palio Marinaro di San Pietro a 41 anni, con i colori dell’Urania Vernazzola ed in barca con i propri allievi (diciassettenni e diciottenni n.d.r.), è roba da raccontare ai propri nipoti. Roberto Moscatelli, nome importante del canottaggio a sedile fisso, ce l’ha fatta venerdì 24 giugno 2011. Ai Bagni San Nazaro, sullo sfondo di una gremita corso Italia ed insieme ai suoi pupilli Ivan Dante, Mattia Benvenuto e Lorenzo Simoni (timoniere Michela Aste), ha lanciato il proprio gozzo avanti ai rioni avversari (Nervi, Voltri e Quinto) dopo una cavalcata pazzesca con 1500 metri tiratissimi, spezzati da tre giri di boa.

Rewind. La storia di Moscatelli nel canottaggio a sedile fisso prende il via ventisei anni fa. “Facevo nuoto, ma con scarsi risultati. Nel 1985 ho iniziato a remare e, un anno dopo,  sono arrivato secondo agli Italiani per soli due decimi. Ho continuato sino al 1991 all’Urania, poi sono andato avanti senza far più gare con la LNI Sestri Ponente del mio amico Pino Bruzzone”. Tra il 1991 ed il 1994 ecco arrivare quattro vittorie di popolo. “A bordo del Galeone, ho vinto nel 1991 a Pisa e nel 1992 a Genova oltre alle due edizioni straordinarie di Siracusa e Noli. Ho chiuso nel 1994 dopo l’argento di Amalfi ed il bronzo di Venezia. Dopo che mi sono sposato e quando le figlie sono diventate più indipendenti, ho deciso di riprendere a vogare nel 2007 all’Urania e, da un anno e mezzo, sono anche il responsabile della parte tecnica del settore agonistico”.

Differenze tra ieri e oggi in società. “Nel 1985 c’era davvero un ottimo ambiente pieno di giovani e ragazze. Nel 2007, per certi versi, l’ho trovato profondamente cambiato ed allora ho provato a imporre la mia visione delle cose, per certi versi invasiva ma molto determinata e con l’aiuto di alcune persone sono riuscito a formare un grande gruppo, molto unito con l’obiettivo comune del divertimento”.
A 41 anni meglio vogare o dirigere gli allenamenti? Roberto non ha dubbi. “Che domande! Ovvio che è meglio salire in barca ma non penso di poterlo fare in eterno. Non capirò mai quando sarà il momento di smettere. Quest’anno ho deciso di rimettermi in gioco a causa dell’assenza di un ragazzo. Non è facile ma la gioia più bella è quella di sentirti dire dai propri ragazzi di non cercare il quarto vogatore Junior per il Gozzo perché loro, al primo anno Juniores, vogliono gareggiare assieme a te nella categoria superiore. Quel giorno avevo quasi le lacrime agli occhi”.
Il Moscatelli-allenatore ha le proprie idee. “Ho un metodo molto personale nell'allenamento, innanzitutto una grande programmazione. Nulla va lasciato al caso, poi mi piace dire ai miei ragazzi di provare ad andare oltre i loro limiti perché se ci riesco io che ho più di quarant’anni...”. 

Roberto parla dei suoi tre allievi-compagni di barca, campioni d’Italia nel 2010 nella specialità del gozzo. “Ivan Dante è il più serio dal punto di vista agonistico, non perde un allenamento ed è sempre disponibile ma ha una testa ballerina. Ha bisogno di un supporto e per questo c'è Mattia che cerca sempre di evitare gli allenamenti: se può faticare meno è contento, però in gara è quello che ha la vera mentalità vincente, pur essendo allenato l'80% rispetto gli altri due perché dà il 120%. Lorenzo è un grande atleta, serio, fisicamente portato, un ottimo elemento, anche lui una testa un po’ matta”.

Il canottaggio occupa gran parte della sua vita. Lavora in Fincantieri, alle 17:30 arriva in palestra a Vernazzola dove si ferma alle 20 oppure esce in mare. Poi subito a casa. “Anche le mie due creaturine Marina e Arianna vogliono la loro parte. Per fortuna ho una moglie che mi permette di fare tutto questo, alle volte con un po’ di comprensibili lamentele. Quando vanno tutte e tre a dormire, mi immergo nuovamente nel canottaggio, con la preparazione di programmi di allenamento, leggendo riviste del settore e vedendo filmati”. Prossimo obiettivo già in testa. “Raggiungere cinque podi tra i Campionati Jole ed Elba di Corgeno e Gozzi di Noli: sarà un settembre intenso per me, in acqua o a terrà darò il massimo per il Club Sportivo Urania”.
  ::ARCHIVIO::
Sabato 13 maggio il Trofeo “Federico Antoni”
Gara su scafi speciali (Lariane Stefaniane) a 8 vogatori e timoniere riservata agli equipaggi maschili, delle società remiere della Provincia di Pisa iscritti alla FICSF
(27-04-2017)
Corgeno in grande forma ad Angera
La società del presidente Giovanni Marchettini fa man bassa di trofei aggiudicandosi sia la classifica generale sia quelle di specialità Jole ed Elba.
(26-04-2017)
Domenica 21 maggio l'Interregionale Jole-Elba a Germignaga
Domenica 21 maggio si svolgerà la tradizionale regata interregionale di Germignaga con organizzazione a cura della Canottieri Germignaga.
(25-04-2017)
Domenica 14 maggio la zonale Jole-Elba a Laglio
La regata si svolge con la collaborazione del Banco Credito Cooperativo di Lezzeno e il patrocinio dell'Autorità di Bacino del Lario e dei laghi minori.
(25-04-2017)
VIP domenica 7 maggio a Clusane d'Iseo
Sono i Giovani Vogatori Clusanesi a ospitare domenica 7 maggio la regata interregionale VIP.
(24-04-2017)
Ottimo avvio per la Voga in Piedi a Gardone Riviera
Inizia alla grande la stagione sportiva 2017 per la Voga in Piedi: una splendida giornata ha incorniciato la prima gara interregionale per la VIP svoltasi oggi a Gardone Riviera.
(23-04-2017)
Rinviata l'Interregionale di Chiavari
Niente da fare oggi per le società ritrovatesi a Chiavari per partecipare alla regata interregionale Jole-Elba. Le brutte condizioni del mare spingono la giuria, in accordo con la LNI Chiavari e Lavagna, a rinviare l'evento.
(23-04-2017)
Angera: le iscrizioni e gli ordini di partenza
Sono 187 gli equipaggi iscritti all'Interregionale Jole-Elba di Angera, a cura della De Bastiani.
(23-04-2017)
Corso in Diritto Sportivo e Penale dello Sport
L’Università degli Studi di Genova (UNIGE), Dip. Di Giurisprudenza, ha attivato il Corso di perfezionamento in “DIRITTO SPORTIVO E PENALE DELLO SPORT” (Direttore Prof. P. Pisa).
(21-04-2017)
Scrivi a questo indirizzo per inviarci i tuoi suggerimenti: ufficiostampa@ficsf.it
Copyright © 2017 F.I.C.S.F. Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso - C.F.: 95007090103 Engineered by Zenazone s.n.c.