HOME PAGE   FEDERAZIONE   SEDE   SOCIETA'   ARBITRI   ASSEMBLEA   COORDINATE BANCARIE   DOCUMENTI   ASSICURAZIONE   RISULTATI   BANDI   CALENDARIO   STORIA   BARCHE   RICHIESTA IMBARCAZIONI   GALLERIA FOTOGRAFICA   PROTAGONISTI   CLASSIFICA   ANNUNCI   NEWS ED EVENTI   LINKS   NEWSLETTERS  
Domenica, 20 Agosto 2017
F.I.C.S.F. WEB SITE: NEWS ED EVENTI indietro
Presentato il Libro Bianco dello Sport
Si è tenuta, nel Salone d’Onore del CONI, la presentazione della seconda parte del “Libro Bianco dello Sport Italiano, Sport-Italia 2020” incentrato sullo sport italiano di alto livello, l’evoluzione dei contributi pubblici a favore dello sport e l’impatto della pratica agonistica sulla spesa sanitaria nazionale. Al convegno hanno preso parte il Presidente del CONI, Giovanni Petrucci, unitamente al Segretario Generale, Raffaele Pagnozzi, Lanfranco Senn, Docente Ordinario del Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico dell’Università “Bocconi” di Milano, e Giuseppe Pisauro, Professore Ordinario di Scienza delle Finanze all’Università “La Sapienza” di Roma. La prima parte del libro era stata presentata lo scorso 10 luglio.

Il Presidente Petrucci ha aperto i lavori sottolineando l’importanza della pubblicazione e i riflessi dello studio sulla sfera sociale. “Investire nello sport fa risparmiare sulla sanità e fa diminuire la sedentarietà. E il 2% del PIL che aumenta e diminuisce se si fa attività sportiva ne è l'esempio lampante”.

Il Segretario Generale Raffaele Pagnozzi si è quindi soffermato sull’approfondimento relativo alla lettura dei dati emersi nell’ambito della disamina. “La seconda parte del Libro Bianco conferma che la squadra olimpica italiana nel dopoguerra è sempre sostanzialmente stata nella Top Ten dei Giochi Estivi, nonostante sia cresciuta la competitività e siano anche aumentate le discipline. Il serbatoio di medaglie è rappresentato da scherma, tiro, nuoto e canottaggio e nelle ultime due edizioni abbiamo portato a medaglia 18 discipline. Meglio di noi hanno fatto solo Francia e Germania. Per il futuro dobbiamo fare attenione a Corea del Sud, che ci insidia in scherma e tiro, e il Brasile che mette a rischio la leadership nel pugilato. In assoluto emerge che per rimanere nell’èlite occorre una media di 29 medaglie con 9 ori: va poi evidenziato che anche i nostri più diretti competitor non si distinguono nell’atletica leggera. Negli sport invernali siamo invece nella Top 15, anche se gli ultimi Mondiali ci danno in crescita. Per entrare nella Top Ten servirebbe conquistare più di 10 medaglie”.

Il Prof. Giuseppe Pisauro, Docente ordinario di Scienza delle Finanze della Sapienza di Roma, ha invece sviluppato il tema relativo all’evoluzione dei contributi pubblici a favore dello sport. “La Spesa Pubblica per la pratica agonistica ammonta a circa 2,5 miliardi l’anno, erogata dallo Stato per il 27%, dalle Regioni con l’11%, dalle Province con l’8% e dai Comuni con il 54%. L’Italia è agli ultimi posti in Europa per la spesa in rapporto al PIL con il circa il 2%, contro il 7% dell’Olanda e il 5% di Spagna e Francia. Le Regioni che investono di più sono quelle a Statuto Speciale (Trento-Val d’Aosta, Bolzano, Friuli), mentre i Comuni hanno una spesa maggiore tanto più sono piccoli”.

Lanfranco Senn, Docente Ordinario del Dipartimento di Analisi delle Politiche e Management Pubblico della Bocconi di Milano, ha invece illustrato l’impatto della pratica sportiva sulla spesa sanitaria. “Per cinque patologie è provata la relazione tra la pratica sportiva e i benefici sulla salute: malattie cardiovascolari, ictus, tumori al colon, tumore al seno e diabete di tipo II. Grazie allo sport, agli attuali livelli di pratica agonistica, sono 25.580 le malattie evitate ogni anno. Il costo delle cure per le malattie ammonta a un miliardo e 283 milioni all’anno, ai quali vanno aggiunti 178 milioni di costi non sanitari. La stima delle morti evitate è di 11.653 l’anno. Il risparmio sulla spesa sanitaria con i livelli di pratica sportiva è stimabile in 1,5 miliardi di euro all’anno e il valore della vita salvaguardato è di 32 miliardi all’anno. Con l’aumento dell’1% di persone attive si risparmierebbero 80 milioni a livello di spesa sanitaria”.

Pagnozzi ha infine chiuso i lavori parlando delle prospettive del movimento sportivo in Italia, a livello di vertice e dell’incidenza della pratica a livello sanitario. “Dobbiamo cercare di lavorare sulle criticità che ci aspettano, rafforzando la competitività grazie alle discipline di punta, facendo attenzione alla crescita di India e Brasile. Dal punto di vista della pratica sportiva la diminuzione di un punto percentuale di sedentarietà portrebbe a 200 milioni di risparmio annuo sulla spesa sanitaria, 4 miliardi di euro l’anno come valore di vita salvaguardato”.

  ::ARCHIVIO::
Corgeno: risultati batterie e programma domenica
In acqua complessivamente 286 equipaggi in forza a 31 società.
(19-08-2017)
Il bando dei CIA Gozzi di Santa Margherita Ligure
Santa Margherita Ligure, per il secondo anno di fila grazie all'impegno della Società Remiera Gianni Figari del presidente Andrea Maggiali, ospiterà i Campionati Italiani specialità Gozzo Nazionale.
(18-08-2017)
Domenica Lucie a Gravedona per la quinta prova
Partecipano i comuni di Bellagio, Lezzeno, Laglio, Argegno, Sala Comacina, Nesso, Domaso, Ossuccio, Carate Urio, Cremia e naturalmente Gravedona.
(18-08-2017)
Corgeno: le iscrizioni e ordini di partenza per la regata nazionale
Organizzazione affidata alla Canottieri Corgeno del presidente Giovanni Marchettini, appuntamento importante a due settimane dai 65i Tricolori che si svolgeranno per il decimo anno consecutivo proprio a Corgeno. Ordini di partenza
(17-08-2017)
Circolare Informativa n°6 del 2017
Giovedi 3 Agosto alle ore 18,30 presso la sede della federazione in Genova Via Pra 63, si è riunito il consiglio di Presidenza federale per adottare le seguenti deliberazioni di urgenza.
(16-08-2017)
A Moneglia la terza gara nazionale Gozzi
Si gareggia in mattinata con organizzazione a cura dell'Associazione Sportiva Mobilia.
(16-08-2017)
Pilarella vince il 76° Palio Marinaro dell'Argentario
Vittoria con il tempo di 24’35”, seguiti a ruota dalla Fortezza a soli 3 secondi di distacco.
(16-08-2017)
I risultati della gara Interregionale di Arolo
Domenica di gare ad Arolo dove sono andate in scena le regate interregionali Jole ed Elba a cui hanno preso parte 181 equipaggi. Ecco il quadro dei vincitori.
(14-08-2017)
A Ferragosto il 76° "Palio Marinaro dell'Argentario"
L'inizio della gara è previsto al calar del sole, nello specchio d'acqua denominato Stadio di Turchese.
(14-08-2017)
Scrivi a questo indirizzo per inviarci i tuoi suggerimenti: ufficiostampa@ficsf.it
Copyright © 2017 F.I.C.S.F. Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso - C.F.: 95007090103 Engineered by Zenazone s.n.c.