HOME PAGE   FEDERAZIONE   SEDE   SOCIETA'   ARBITRI   ASSEMBLEA   COORDINATE BANCARIE   DOCUMENTI   ASSICURAZIONE   RISULTATI   BANDI   CALENDARIO   STORIA   BARCHE   RICHIESTA IMBARCAZIONI   GALLERIA FOTOGRAFICA   PROTAGONISTI   CLASSIFICA   ANNUNCI   NEWS ED EVENTI   LINKS   NEWSLETTERS  
Lunedì, 1 Maggio 2017
F.I.C.S.F. WEB SITE: NEWS ED EVENTI indietro
Venezia vince la 60a Regata delle Antiche Repubbliche Marinare
Si sveglia sotto un sole splendente la Venezia che ha visto ieri disputarsi la 60° edizione del Palio delle Repubbliche Marinare. E vincerla.
A sessant’ anni esatti dalla prima gara corsa nel 1955 a Pisa sui Gozzi, Venezia porta a casa la terza vittoria consecutiva: la trentatreesima, una vittoria meritata e probabilmente decretata già dopo la prima metà del percorso.
Venezia, un equipaggio che rende omaggio alla propria città e che viene ripagato con applausi a non finire.
Il pubblico presente è quello delle grandi occasioni: sotto il loggiato di Palazzo Ducale addobbato con gonfaloni e bandiere, in tribuna d’onore i sindaci di Venezia, Pisa, Amalfi e Genova, autorità, televisioni nazionali, appassionati e semplici curiosi; in una città dove arte e storia la fanno da padrone, ieri tradizione e sport si sono fuse assieme.
Nella mattinata, presso l’Arsenale, alla presenza dei responsabili dei coordinamenti delle rispettive città, il CTO e la CTA della Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso hanno provveduto alla verifica di remi e imbarcazioni: lo staff, composto da Marco Mugnani vicepresidente della FICSF, dal presidente della CTA Ignazio Minoli, da Gian Battista Nicolini della CTA e dai giudici arbitri Franco Baruffaldi e Tomas Cadei, in entrambe le giornate ha svolto un gran lavoro, assicurando il pieno rispetto di tutte le disposizioni regolamentari.
Se di dissapori si sarebbe potuto parlare, non se ne vedono gli effetti: il clima d’attesa è sereno, tutti sono occupati nella preparazione e poco spazio rimane per il resto. Si attende solo il pomeriggio.
Nella giornata di sabato, la gara dei Gozzi, sui quali hanno corso gli atleti “più giovani” delle quattro società, la vittoria di Genova, con Davide Luca, Walter Bozzo, Alessio Borghesi, Simone Eologio e Jacopo Paggi al timone, ha conferito ai liguri il diritto alla scelta della corsia d’acqua per la regata dei galeoni: la quarta, la più esterna, verso la laguna.
“La gara dei Gozzi di sabato è una piacevole novità” dice soddisfatto Antonio Giuntini del Coordinamento Pisa “abbiamo la possibilità di dare risalto ad un imbarcazione, quella del Gozzo, alla quale siamo affezionati, ma che spesso rimane nell’ombra. Gli stessi atleti sono ben consci che la loro partecipazione e il loro impegno sono utili e funzionali alla gara più attesa, quella dei Galeoni. E’ per loro una grande responsabilità”.
A poche ore dalla gara non si fanno previsioni, anche se si vocifera che Amalfi sia la favorita.
“Abbiamo un equipaggio che si allena da gennaio” dice sempre il signor Giuntini “Ragazzi che hanno in media 24, 25 anni, ma con un il livello di preparazione molto alto. Non mi pronuncio sull’esito: marea e correnti sono imprevedibili, troppe variabili, si vedrà direttamente sull’acqua”.
Il signor Giuseppe Ingenito, del Coordinamento Amalfi si apre a commenti più passionali: “Per noi amalfitani questa regata, anzi l’intera manifestazione in sè, è importantissima, fa parte del nostro essere. Noi ci alleniamo un anno solo per questa competizione”. E continua: “ Il nostro equipaggio al momento è composto da quattro ragazzi di Amalfi e quattro napoletani. Tutti atleti validissimi, ma sarebbe bello avere, un giorno, un equipaggio formato interamente da amalfitani. Sa com’è...siamo campanilisti!”. Sorride il signor Giuseppe, fra le righe si legge quanto è sottile il confine che separa l’aspetto sportivo da quello folcloristico e il santino di S. Andrea che notiamo incollato all’interno del Galeone blu, non fa che confermarcelo.
Al tramonto, alle polene delle imbarcazioni vengono levate le bende sugli occhi: il Cavallo Alato di Amalfi, il Grifone/Drago di Genova, il Leone Alato di Venezia e l’Aquila di Pisa possono finalmente “vedere” in quale direzione ricercare la vittoria.
La gara, programmata per le 18.15 parte con mezz’ora di ritardo, a causa di alcuni disguidi nella posa delle boe del percorso, prontamente risolti dal deciso intervento dei giudici di gara.
All’avvio, il Galeone verde di Venezia è in acqua 1, il Galeone blu amalfitano in acqua 2 , in acqua 3 il Galeone rosso di Pisa, e in acqua 4 il Galeone bianco di Genova.
Alla partenza da Punta S. Elena il Galeone di Venezia, con l’equipaggio formato da Gherardo Gamba, Davide Stefanile, Francesco Rigon, Jacopo Colombi, Mattia Colombi, Francesco Cardaioli, Nicola Zorzetto, Michele Ghezzo e Stefano Morosinato al timone, si mette subito in testa. Per quasi tutto il persorso, l’equipaggio di Amalfi, con a bordo i cinque azzurri Vincenzo Abbagnale e Giovanni Abagnale, Emanuele Liuzzi, Luca Parlato, Mario Paonessa e Luigi Proto, Luigi Lucibello, Giovanni Bottone e il timoniere Enrico D’Aniello, tenta di recuperare su Venezia.
Gli equipaggi di Pisa (Matteo Stefanini, Gianluca Santi, Jonatan Bulfon, Davide Babboni, Alessandro Augusti, Sasha Sicurani, Manuel Igneri, Alessio Melosi e Francesco Alonzi al timone) e Genova (Francesco Garibaldi, Enrico Perino, Paolo Perino, Lorenzo Simoni, Luigi Manghisoni, Ivan Dante, Nicolò Bo, Filippo D’Epifanio, timoniere Mirco Bignone) lottano per il terzo e quarto posto.
All’arrivo, sotto lo sguardo vigile del Leone che svetta sulla colonna, il distacco di Venezia dalle altre è incolmabile: con un tempo di 9’43’’35 conquista la vittoria, davanti ad Amalfi che taglia il traguardo con un tempo di 9’51’’61. Terzo il Galeone di Genova che chiude in 10’00’’48 e Pisa con 10’01’’18.
E’ tempo di festa per Venezia, ma già si inizia a pensare al prossimo anno, perchè ad Amalfi, possiamo contarci, si rimetterà tutto in gioco.

Beatrice Zamuner
  ::ARCHIVIO::
Porto Ceresio, Aldo Meda Cima e Aurora Blevio in evidenza a Torno
Il Trofeo Jole è stato vinto dalla Canottieri Porto Ceresio con 21 punti mentre i padroni di casa della Plinio si aggiudicano con 29 punti il trofeo Elba.
(30-04-2017)
A Voltri Jole ed Elba sabato 20 maggio
La Canottieri Voltri organizza la regata interregionale Jole ed Elba sabato 20 maggio riservata a tutte le categorie e specialità, comprese esibizione per Esordienti e doppio Veterani.
(28-04-2017)
Torno: le iscrizioni
Sono 78 gli equipaggi iscritti alla regata zonale Jole-Elba di Torno
(27-04-2017)
Sabato 13 maggio il Trofeo “Federico Antoni”
Gara su scafi speciali (Lariane Stefaniane) a 8 vogatori e timoniere riservata agli equipaggi maschili, delle società remiere della Provincia di Pisa iscritti alla FICSF
(27-04-2017)
San Michele di Pagana: le iscrizioni e gli ordini di partenza
Sono 16 gli equipaggi iscritti alla regata interregionale di Gozzo che si svolgerà domenica 30 aprile a San Michele di Pagana.
(27-04-2017)
Domenica 21 maggio l'Interregionale Jole-Elba a Germignaga
Domenica 21 maggio si svolgerà la tradizionale regata interregionale di Germignaga con organizzazione a cura della Canottieri Germignaga.
(25-04-2017)
Corgeno in grande forma ad Angera
La società del presidente Giovanni Marchettini fa man bassa di trofei aggiudicandosi sia la classifica generale sia quelle di specialità Jole ed Elba.
(26-04-2017)
Domenica 14 maggio la zonale Jole-Elba a Laglio
La regata si svolge con la collaborazione del Banco Credito Cooperativo di Lezzeno e il patrocinio dell'Autorità di Bacino del Lario e dei laghi minori.
(25-04-2017)
VIP domenica 7 maggio a Clusane d'Iseo
Sono i Giovani Vogatori Clusanesi a ospitare domenica 7 maggio la regata interregionale VIP.
(24-04-2017)
Scrivi a questo indirizzo per inviarci i tuoi suggerimenti: ufficiostampa@ficsf.it
Copyright © 2017 F.I.C.S.F. Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso - C.F.: 95007090103 Engineered by Zenazone s.n.c.