HOME PAGE   FEDERAZIONE   SEDE   SOCIETA'   ARBITRI   ASSEMBLEA   COORDINATE BANCARIE   DOCUMENTI   ASSICURAZIONE   RISULTATI   BANDI   CALENDARIO   STORIA   BARCHE   RICHIESTA IMBARCAZIONI   GALLERIA FOTOGRAFICA   PROTAGONISTI   CLASSIFICA   ANNUNCI   NEWS ED EVENTI   LINKS   NEWSLETTERS  
Sabato, 19 Agosto 2017
F.I.C.S.F. WEB SITE: NEWS ED EVENTI indietro
Daredevil, uno sguardo oltre l'orizzonte...
“Daredevil: uno sguardo oltre l’orizzonte” è un progetto educativo innovativo, appositamente creato per il secondo ciclo scolastico, che si propone di affrontare sistematicamente il tema della disabilità, argomento difficile e solitamente non proposto nei canonici percorsi di studio. Progettato e realizzato dal nostro Direttore Scientifico, Dr Massimiliano Noseda, il curriculum è strutturato in 35 schede che guideranno la classe in un avvincente viaggio dal concetto di salute a quello di disabilità sulla base delle più recenti raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ). Infatti, dopo avere approfondito il concetto di salute, vengono proposte molteplici attività volte ad illustrare ed esemplificare le raccomandazioni terminologiche internazionali proposte nel 2001 in occasione dell’approvazione della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Salute e della Disabilità ( ICF ) in modo da far acquisire agli alunni un linguaggio appropriato, aggiornato e rispettoso della dignità altrui.
Le attività proposte si concentrano, poi, sull’uso del simbolo e su possibili metodiche di comunicazione alternativa a quelle comunemente utilizzate in ambito sociale come il codice Morse, l’alfabeto muto e il Brille. Vengono, quindi, fornite semplici nozioni di anatomia, fisiologia e patologia della apparato visivo, anche attraverso esperienze ludiche come le illusioni ottiche al fine di meglio comprendere il funzionamento del corpo umano, e proposte alcune attività di ricerca volte a sottolineare l’importanza della tecnologia applicata alla scienza e alla medicina.
Viene, così, illustrato il concetto di disabilità, con particolare riferimento alle difficoltà quotidiane di un soggetto cieco e alle strategie alternative attuabili, sfruttando “Daredevil”, film realizzato nel 2003 da una coproduzione tra Twentieth Century Fox e Regency Enterprises e basato sul personaggio mascherato ideato per la Marvel nel 1964 dal disegnatore Bill Everet e dallo sceneggiatore Steven Lee, quest’ultimo direttore artistico anche di altri supereroi come l’Uomo Ragno, l’incredibile Hulk ed i fantastici quattro. Il film vede tra gli attori noti volti del cinema americano come Ben Affleck nel ruolo dell'eroe protagonista e Jennifer Garner in quello di Elektra Natchios. Scritta e diretta da Mark Steven Johnson, la storia cinematografica di Daredevil inizia il giorno in cui il giovane Mattew Murdock rimane vittima di un incidente stradale da cui si sprigiona materiale radioattivo che lo priva della vista, ma gli affina particolarmente i sensi rimasti. Il suo nuovo super-udito gli permette, infatti, di sentire suoni comunemente non percepibili dall’ orecchio umano o di dedurre se una persona mente sulla base delle variazioni del battito cardiaco. Tale senso, inoltre, si è evoluto a tal punto da costituire un vero e proprio “radar" attraverso il quale egli è in grado di individuare l’esatta posizione di oggetti o persone, pur senza vederle, sfruttando le onde acustiche di ritorno dalle superfici su cui incidono. Anche tatto, odorato e gusto si sono ulteriormente raffinati, proprio come avviene normalmente in ogni soggetto cieco o ipovedente. Inoltre, il suo bastone bianco cela un segreto: costituisce sia un'arma sia un mezzo per spostarsi agevolmente sui tetti di Hell's Kitchen (New York), grazie alla possibilità di eiettare un cavo provvisto all’estremità di un gancio. La scoperta progressiva di queste nuove abilità e la dotazione di tale equipaggiamento, che lo pongono allo stesso livello di combattenti valorosi ed esperti come Capitan America o l'Uomo Ragno, gli consentono di forgiare una nuova personalità e di intraprendere un percorso di evoluzione interiore alla ricerca di un nuovo equilibrio personale: muterà, infatti, nel tempo da spietato vendicatore senza pietà a sensibile difensore dei deboli, e quindi da “diavolo vendicatore” a “diavolo custode”.
Il curriculum prevede in ogni sua fase un approccio multidisciplinare armonico ed integrato che dovrebbe alternare docenti di differenti materie nella sua realizzazione: l’insegnante di storia per la scoperta del telegrafo; quello di italiano per l’approfondimento del mito e dei riferimenti letterari; quello di educazione fisica per la realizzazione della staffetta e di alcune esperienze motorie; quello di scienze per l’approfondimento delle nozioni di base relative all’apparato visivo, la cellula e l’universo; quello di educazione artistica per l’osservazione di dipinti e la realizzazione di cartelloni e quello di religione per l’approfondimento di tematiche come il perdono, l’indulto e la vita. Specifiche indicazioni didattiche sono riportate nella sezione “note per l’insegnante” insieme a tutte le soluzioni più tecniche e scientifiche delle attività proposte. Materiale video, per un totale di 148 slide su formato power-point è, inoltre, allegato a molte schede al fine di approfondire in modo mirato e interattivo gli argomenti da trattare in classe. Tutte le schede realizzate e le attività proposte sono assolutamente originali in quanto appositamente create per il presente percorso di studio.
Il percorso didattico-educativo verrà illustrato, anche col supporto delle scene più significative del film, dal Dr Massimiliano Noseda nell’ambito dell’incontro di aggiornamento per dirigenti e docenti scolastici EDUCARE ALLA SALUTE COI FILM, organizzato dall’associazione “Brianza per il cuore” in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva dell’Università degli Studi di Milano, presso Villa Serena - Ospedale San Gerardo Nuovo a Monza, la serata del 29 ottobre 2007 a partire dalle ore 20.45.
Maggiori informazioni sul percorso didattico-educativo DAREDEVIL: UNO SGUARDO OLTRE L’ORIZZONTE… sono presenti tra il “Materiale didattico-educativo per la scuola” dell’area medico scientifica del nostro sito.
Documenti allegati
  ::ARCHIVIO::
Il bando dei CIA Gozzi di Santa Margherita Ligure
Santa Margherita Ligure, per il secondo anno di fila grazie all'impegno della Società Remiera Gianni Figari del presidente Andrea Maggiali, ospiterà i Campionati Italiani specialità Gozzo Nazionale.
(18-08-2017)
Domenica Lucie a Gravedona per la quinta prova
Partecipano i comuni di Bellagio, Lezzeno, Laglio, Argegno, Sala Comacina, Nesso, Domaso, Ossuccio, Carate Urio, Cremia e naturalmente Gravedona.
(18-08-2017)
Corgeno: le iscrizioni e ordini di partenza per la regata nazionale
Organizzazione affidata alla Canottieri Corgeno del presidente Giovanni Marchettini, appuntamento importante a due settimane dai 65i Tricolori che si svolgeranno per il decimo anno consecutivo proprio a Corgeno. Ordini di partenza
(17-08-2017)
Circolare Informativa n°6 del 2017
Giovedi 3 Agosto alle ore 18,30 presso la sede della federazione in Genova Via Pra 63, si è riunito il consiglio di Presidenza federale per adottare le seguenti deliberazioni di urgenza.
(16-08-2017)
A Moneglia la terza gara nazionale Gozzi
Si gareggia in mattinata con organizzazione a cura dell'Associazione Sportiva Mobilia.
(16-08-2017)
Pilarella vince il 76° Palio Marinaro dell'Argentario
Vittoria con il tempo di 24’35”, seguiti a ruota dalla Fortezza a soli 3 secondi di distacco.
(16-08-2017)
I risultati della gara Interregionale di Arolo
Domenica di gare ad Arolo dove sono andate in scena le regate interregionali Jole ed Elba a cui hanno preso parte 181 equipaggi. Ecco il quadro dei vincitori.
(14-08-2017)
A Ferragosto il 76° "Palio Marinaro dell'Argentario"
L'inizio della gara è previsto al calar del sole, nello specchio d'acqua denominato Stadio di Turchese.
(14-08-2017)
Trofeo Renzo e Lucia: Domaso profeta in patria
A darsi battaglia i padroni di casa del Domaso Omar Poncia e Lino De Lorenzi e i fratelli Giannino e Domenico Gelpi in rappresentanza del comune di Bellagio.
(14-08-2017)
Scrivi a questo indirizzo per inviarci i tuoi suggerimenti: ufficiostampa@ficsf.it
Copyright © 2017 F.I.C.S.F. Federazione Italiana Canottaggio Sedile Fisso - C.F.: 95007090103 Engineered by Zenazone s.n.c.